A. Dante Castelnuovo, professore, personaggio inconfondibile e significativo della storia della Valle Vigezzo, ha da sempre coltivato e nutrito una forte passione per la natura, la valle e tutti i fenomeni naturali. 
Grazie alle conoscenze scientifiche e tecniche acquisite, si è interessato allo sconfinato mondo delle meridiane solari: il modo naturale ed antico di calcolare l’ora utilizzando l’unica fonte rinnovabile gratuita, il sole.
 La Valle Vigezzo ha una lunga tradizione in merito alle meridiane solari: esistono e sono tutt’ora funzionanti molti esempi in tutti i paesi della valle, di epoche diverse e realizzate con tecniche e metodologie diverse. In anni recenti si è voluto rendere merito e maggiore notorietà a questi particolari orologi solari realizzando il libro “Meridiane in Val Vigezzo - La valle del tempo dipinto” a cura della Comunità Montana Valle Vigezzo (60 pagg - 2003).
Il libro fornisce tutte le informazioni necessarie a comprendere ed interpretare l’arte della meridiana ed a capire la vastità e la varietà di realizzazioni presenti in Valle Vigezzo. 
All’interno del libro sono presentate solo alcune delle realizzazioni del prof. Castelnuovo: qui di seguito sono invece presentate tutte le meridiane realizzate nel corso degli anni, in ordine cronologico, con immagini ed alcune annotazioni di natura tecnica od in merito alle modalità di realizzazione. 
La storia della Valle Vigezzo passa anche per questi piccoli esempi di arte e cultura popolare

_________________________________________

Ruote Latina        Ruote Italia

Il portale ospita aziende, uomini e piloti e vuol essere un luogo di incontro tra quanti vivono le “ruote”, qualunque esse siano, con passione, consci del valore che l’invenzione della ruota ha rappresentato per l’umanità tutta. Seguiteci con attenzione, non ve ne pentirete.

http://www.ruotelatina.com

 ruotelatina@gmail.com

GOOD EARTH

http://ruoteitalia.tumblr.com/archive

http://www.ferdinandporsche.net

http://ruoteitalia-blog.tumblr.com/archive

http://leosimonelli.tumblr.com/archive

http://fabiodamiani.tumblr.com/archive

http://italiaunoweb.tumblr.com/archive

http://rossoferrari.tumblr.com/archive

http://mitomotori.tumblr.com/archive

http://motodays-2012.tumblr.com/archive

http://pianetaruote.tumblr.com

AB SOLIS  ORTU USQUE AD OCCASUM: Dall’alba al tramonto.

EQUINOZI E SOLSTIZI: Gli importanti appuntamenti annuali della Terra con il Sole.

Lo scorso 22 settembre alle ore 16 e 30 minuti TU (Tempo Universale) è avvenuto l’Equinozio di Autunno. In questo giorno metà della superficie della Terra è stata illuminata mentre l’altra metà è rimasta in ombra. Il circolo di illuminazione ha tagliato  in due parti la superficie terrestre fra i due poli e la conseguenza è stata di 12 ore di luce e altrettante di buio in ogni angolo terrestre.

ǼQUA NOX, dicevano gli antichi, uguali il giorno e la notte.

La Terra, come è noto, nel suo peregrino cammino annuale intorno al Sole, percorre con velocità non costante un’orbita leggermente ellittica ed il tempo impiegato a compiere una rivoluzione completa si chiama Anno.

In astronomia si definiscono vari tipi di Anno, ma qui, per semplicità, definiamo soltanto i due tipi principali e cioè:

·         l’Anno Sidereo il tempo impiegato dalla Terra per compiere il vero periodo di rivoluzione, la cui lunghezza vale 365,25636042 giorni. Questo anno non ha rilevanza per i comuni usi civili;

·         l’Anno Tropico (da tropos = ritorno) il tempo impiegato dalla Terra fra due passaggi consecutivi in un punto singolare dell’orbita che si chiama punto gamma o punto vernale,  la cui lunghezza vale 365,24219879 giorni. Questo punto, immaginario sulla volta celeste, è il punto d’intersezione dell’Equatore celeste (cerchio massimo immaginario che possiamo definire l’estensione nello spazio del cerchio massimo dell’Equatore terrestre, con l’Eclittica, cioè la traiettoria immaginaria annuale descritta dal Sole con il suo apparente movimento, giacente quindi sullo stesso piano dell’orbita della Terra. La lunghezza dell’anno tropico costituisce la base di compilazione del calendario civile.

Senza entrare in argomenti astronomici approfonditi, che esulano dalle finalità di questi articoli divulgativi, spieghiamo brevemente i concetti.

Il piano dell’equatore terrestre è inclinato di circa 23,5° rispetto al piano dell’orbita di rivoluzione della Terra e quindi anche l’Equatore celeste e l’Eclittica sono inclinati dello stesso angolo. L’asse della Terra o “asse del mondo” come ama definirlo lo scrivente - è inclinato di circa 66,5° rispetto l’orbita.

I due punti di intersezione diametralmente opposti di questi due piani vengono rispettivamente denominati punto gamma o vernale e punto libra o più genericamente punti equinoziali.

I punti solstiziali sono invece i due punti dell’Eclittica più lontani angolarmente dal piano equatoriale celeste, anch’essi diametralmente opposti, distanti di circa 23,5° al disopra e al disotto di quest’ultimo. (questo valore viene correntemente arrotondato a mezzo grado, ma per l’esattezza nel corrente anno 2004 risulta essere di 23, 439° e varia lentissimamente nel corso dei secoli.

Queste reciproche posizioni Sole–Terra, ricorrenti annualmente e con la concomitanza dell’inclinazione dell’asse del mondo, danno luogo al fenomeno delle stagioni che permettono lo sviluppo e il mantenimento della vita sulla Terra in ogni sua espressione.

Riassumendo:

·         Il Sole nel punto gamma: è l’Equinozio di Primavera. Inizia la stagione astronomica della Primavera (21 marzo). Questo fenomeno celeste riveste particolare importanza, come detto, per gli usi civili ed altrettanta per gli usi religiosi cristiani poiché impone ogni anno la data della celebrazione della Pasqua. In questo giorno il Sole trovandosi sull’Equatore celeste è perpendicolare sull’Equatore terrestre e quindi gli abitanti dei paesi colà situati vedono il Sole verticale sulle loro teste. In gergo “Sole allo Zenit”;

·         Il Sole nel punto sostiziale sopra l’Equatore celeste di circa 23,5°: è  il Solstizio d’Estate. Inizia la stagione astronomica dell’Estate nel nostro emisfero boreale (21 giugno). In gergo si dice che in questo giorno il Sole percorre il “tropico del Cancro” della sfera celeste e pertanto nei paesi dell’omonimo tropico terrestre cioè situati a 23,5° di latitudine Nord il Sole è allo Zenit. Nelle nostre località in questo giorno il Sole ha una altezza sopra l’Orizzonte di circa 69,5°;

·         Il Sole nel punto libra: si compie l’Equinozio di Autunno. Inizia la stagione astronomica dell’Autunno (22 o 23 settembre) con le situazioni astronomiche identiche al corrispettivo punto gamma;

·         Il Sole nel punto sostiziale sotto l’Equatore celeste di circa 23,5°: è il Solstizio d’Inverno. Inizia la stagione astronomica dell’Inverno nel nostro emisfero boreale (21 o 22 dicembre). Il Sole in questo giorno percorre il “tropico del Capricorno” della sfera celeste e pertanto nei paesi dell’omonimo tropico terrestre cioè situati a 23,5° di latitudine Sud  il Sole è allo Zenit.  Nelle nostre località in questo giorno il Sole ha una altezza sopra l’Orizzonte di circa 22,5°.

Nel corso dei secoli passati la ricorrenza di questi appuntamenti celesti è sempre stata seguita con grande attenzione dal genere umano. Nell’antichità si poneva particolare attenzione all’orientamento dei luoghi di culto con riferimento agli equinozi ed ai solstizi. Lo testimoniano gli antichissimi “dolmen” e il complesso megalitico di Stonehenge. Nel famoso tempio di Abu Simbel in Egitto i raggi del Sole al solstizio estivo illuminavano la statua del celebre faraone Ramses II. Nel Medio Evo le chiese venivano rigorosamente costruite sull’allineamento Est-Ovest (con l’abside dalla parte est e l’entrata dalla parte ovest) secondo il detto che “Oriente Lux – la luce proviene da oriente”.

Nelle usanze popolari si festeggiava il solstizio d’estate con grandi fuochi, i cosiddetti “fuochi di San Giovanni” che cade il 24 giugno. Al solstizio invernale si festeggiava la fine del giorno breve e il ritorno dell’ascesa del Sole, a simboleggiare la ripresa della vita e la fecondità della Terra.

Ai giorni nostri credo si festeggi poco o niente, perché la vita continua anche nelle notti splendenti di luce artificiale e la fecondità della Terra nell’immaginario collettivo è ormai un concetto obsoleto perché esistono i supermercati.

Cieli sereni a tutti.

Alberto Suci, Astrofilo e studioso di Gnomonica in Agliana

_______________________________

Ruote Latina        Ruote Italia

Il portale ospita aziende, uomini e piloti e vuol essere un luogo di incontro tra quanti vivono le “ruote”, qualunque esse siano, con passione, consci del valore che l’invenzione della ruota ha rappresentato per l’umanità tutta. Seguiteci con attenzione, non ve ne pentirete.

http://www.ruotelatina.com

 ruotelatina@gmail.com

GOOD EARTH

http://ruoteitalia.tumblr.com/archive

http://www.ferdinandporsche.net

http://ruoteitalia-blog.tumblr.com/archive

http://leosimonelli.tumblr.com/archive

http://fabiodamiani.tumblr.com/archive

http://italiaunoweb.tumblr.com/archive

http://rossoferrari.tumblr.com/archive

http://mitomotori.tumblr.com/archive

http://motodays-2012.tumblr.com/archive

http://pianetaruote.tumblr.com